Home page‎ > ‎Opere‎ > ‎Scultura Astratta‎ > ‎

IL PIANETA MARTE DAVANTI AL PONTE MEIER AD ALESSANDRIA

AL PONTE MEIER DI ALESSANDRIA LA SCULTURA SPAZIALISTA DI ANTONIO SAPORITO

Alessandria, Ponte Meier, "Il Pianeta Marte" scultura spazialista di Antonio Saporito

“L'uomo e la storia non si sono mai fermati, se non altro almeno con l’idea della creatività. Pensare oltre. Immaginiamo se con gli ufo arrivassero nuove creature...quali scenari si aprirebbero. Da questa idea nascono le mie opere, buona o sbagliata che sia”.

Il maestro Antonio Saporito

SCULTURA SPAZIALISTA “IL PIANETA MARTE” ALLUMINIO E ACCIAIO, 6 METRI X 2, PONTE MEIER, ALESSANDRIA

SCULTURA SPAZIALISTA “IL PIANETA MARTE” ALLUMINIO E ACCIAIO, 6 METRI X 2, PONTE MEIER, ALESSANDRIA

S'inaugura Mercoledì 21 Novembre 2018, nel pomeriggio, l'installazione dell'imponente scultura di Antonio Saporito, posta davanti al Ponte Meier ad Alessandria, donata al Comune di Alessandria con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

L'evento è stato presentato in anteprima in una delle puntate della trasmissione culturale “Artisti Contemporanei”, ideata dall'organizzatore di eventi d'arte Paolo Vassallo, visibile su Sky in tutta Italia e in altri paesi.

Nel filmato, Antonio Saporito, intervistato dalla critica d'arte Giorgia Cassini, già direttrice del padiglione Italia alla Biennale di Venezia e dall'attrice Loredana Sileo, ha spiegato che l'opera sarà donata alla città con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

SCULTURA SPAZIALISTA “IL PIANETA MARTE” ALLUMINIO E ACCIAIO, 6 METRI X 2, PONTE MEIER, ALESSANDRIA

L'opera, la scultura spazialista  "IL PIANETA MARTE", è realizzata in alluminio e acciaio, è alta 6 metri ed è posta su un basamento di 2 metri di diametro. Le dimensioni dell'opera sono davvero notevoli e perciò la sua collocazione è destinata a cambiare profondamente la vista d'insieme del Ponte Meier ad Alessandria.

La scultura è stata ideata, nel suo prototipo originale nel 2005 ed è pubblicata nel catalogo Mondadori 2012.

Si tratta di una colossale struttura di acciaio e alluminio, un pianeta Marte  con 4 satelliti, per concretizzare il fascino di Antonio Saporito per lo spazialismo, l'arte spaziale, l'idea dell'oltre e la ricerca dello spazio.

La citazione a Lucio Fontana qui, è inevitabile. E altrettanto inevitabile è l’accento sull’ assoluta originalità di maestro Saporito: "Sono architetture, uno spazio dedicato alla scultura contemporanea. Acciaio, Colore, Forma, io tento di creare nell'interazione tra diverse forme riflessive, una sorta di tensione e di confronto reciproco".

SCULTURA SPAZIALISTA “IL PIANETA MARTE” ALLUMINIO E ACCIAIO, 6 METRI X 2, PONTE MEIER, ALESSANDRIA

Sculture di acciaio, di forme e di colore che sono lo spazio, unico nella sua dimensione quasi ecclesiale. Esse trovano una nuova identità a secondo di dove sono collocate e come la luce e il riflesso di chi si specchia dentro cambia.

Tagli precisi, superfici lucide un contenitore-contenuto fatto di linguaggi espressivi, vuoti e pieni, tutto è ricerca come modo di agire e di pensare, come forte istanza visionaria, accompagnata da un'altrettanta capacità di realizzazione.

"Un progetto che segnerà il mio futuro nel mondo dell'arte astratta geometrica sullo spazialismo.” Antonio Saporito